La metodologia CHEOPE CLP – per la valutazione preliminare del rischio di esposizione ad agenti chimici – ottiene un definitivo riconoscimento.

Si è conclusa il 26 aprile 2018, con la pubblicazione della Norma UNI/TR 11707: “Determinazione dell’esposizione dei lavoratori agli agenti chimici – Analisi di modelli di calcolo ai fini della valutazione del rischio occupazionale da agenti chimici”, l’analisi comparativa svolta dal gruppo di lavoro UNI sui metodi algoritmici di stima dell’esposizione dei lavoratori ad agenti chimici.

Lo studio ha confermato la validità dei metodi algoritmici previsti, almeno nella fase di valutazione preliminare del rischio, dal Titolo IX del D.Lgs. 81/08,.

Il ricorso a tali modelli di calcolo permette di superare i problemi legati all’utilizzo in modo estensivo dei dati sperimentali, il cui reperimento non è sempre possibile o per mancanza di metodiche ufficiali validate per determinare l’esposizione alla sostanza o per i costi troppi alti delle misurazioni in termini di tempo e risorse.

Il rapporto tecnico UNI descrive la struttura e le applicazioni pratiche dei modelli di calcolo Al.Pi.Ris.Ch., Stoffenmanager®, Cheope CLP, Linea Guida Federchimica, utilizzabili per la valutazione del rischio derivante dalla presenza degli agenti chimici negli ambienti di lavoro ai sensi della legislazione vigente.

E’ un ulteriore riconoscimento della validità della metodologia CHEOPE, citata sin dal 2002 nelle “Linee Guida sulla Protezione da Agenti Chimici delle Regioni e Provincie Autonome”, e adottata da migliaia di utenti in questi anni.

Per approfondire questo tema, consultate le pagine dedicate al software e le presentazioni multimediali.